Dash punta ad una decentralizzazione su Cloud

Dash Evolution

Dash sta per diventare una criptovaluta decentralizzata basata su Cloud.

Vi spieghiamo il perché Dash punta ad una decentralizzazione su Cloud.

Tempo fa…

DASH è stato lanciato nel 2014 come versione più scalabile di Bitcoin, ma anche con i progressi ottenuti grazie alla scalabilità gli utenti si sono presto resi conto che la tecnologia blockchain non è adatta al tipo di applicazioni di pagamento che tutti attualmente usiamo.

Basta pensare per esempio all’invio di denaro a parenti ed amici usando un semplice nome utente, o per esempio alle credenziali di accesso Globali che usiamo per creare facilmente nuovi account in tutto il Web. La rete di Dash punta ad essere compatibile con le tecnologie Web che gli utenti già conoscono e con cui hanno famigliarità.

Ad oggi

Con il lancio di una nuova piattaforma chiamata ‘EVOLUTION’ che permetterà uno spazio dati utente, convalidato da blockchain e un’ API decentralizzata.

La nuova piattaforma consente l’accesso ai dati archiviati in un framework cloud decentralizzato attraverso la rete.

L’annuncio di Dash Evolution è avvenuto nel 2015, nel tempo trascorso fino ad oggi il team di Dash ha sviluppato le idee per far progredire le funzionalità avanzate della criptovaluta, lavorando a pieno ritmo per offrire questo nuovo ed evoluto prodotto decentralizzato.

La nuova piattaforma Dash è stata costruita sulla base di questi concetti, essenzialmente le quattro funzionalità implementate nella piattaforma Dash saranno:

(1) un Dash Drive Cloud (Erogazione di servizi su richiesta attraverso internet)

(2) un’API decentralizzata o DAPI (Interfaccia Decentralizzata di Programmazione Applicativi)

(3) un livello di nome utente o DPNS e il protocollo della piattaforma Dash o DPP ( Dash Platform Protocol)

Dash sta Evolvendo

Con la decentralizzazione su Cloud DASH, si evolve.

Mark Mason, ha dichiarato: “Dash Platform è una piattaforma di sviluppo di applicazioni che sfrutta la rete masternode Dash e la blockchain trasformando la rete p2p in un cloud decentralizzato.”

Attraverso l’interfaccia di programmazione distribuita e decentralizzata-DAPI, i clienti possono incorporare le loro applicazioni nella piattaforma Dash. Nel frattempo, Dash Drive serve questi clienti inviando, salvando e recuperando le informazioni sull’applicazione e interrogando la blockchain su un’interfaccia utente di base. Nelle parole di Mason, “Un vantaggio chiave di DAPI è che fornisce agli sviluppatori lo stesso accesso e la stessa sicurezza di un nodo completo, senza costi di manutenzione”.

Nuove caratteristiche salienti

La piattaforma Dash funge da origine dati BaaS decentralizzata o DBaaS per il lancio iniziale di MVP. Per raggiungere questo obiettivo, utilizzerà i contratti dati per applicazioni memorizzandoli nel sistema Masternode Dash. In cambio, questi dati verranno certificati tramite la blockchain di Dash.

Ryan Taylor, CEO di Dash Core Group, ha sottolineato l’obiettivo di Dash di voler integrare completamente l’attuale “esperienza utente centralizzata” ma con i vantaggi di decentralizzazione che Dash offre.

La funzionalità Cloud nell’applicazione permetterà che tutti i dati di rete siano sincronizzati tra i dispositivi degli utenti come laptop, PC-desktop e smartphone.

Il livello Dash Network Name Service, o DPNS, supporta nomi utente leggibili come firme piuttosto che indirizzi crittografici alfanumerici. I membri della piattaforma possono creare nomi utente, accettare o inviare richieste di amicizia, e le transazioni su DASH vengono gestite utilizzando esattamente questi Nomi-Utente.

Dash ritiene che una interfaccia user-friendly e decentralizzata motiverà una maggiore adozione anche da parte di utenti che non sono esattamente propensi a questo nuovo tipo di tecnologia.